La Figura dello Psicologo nell'Adolescenza


L’adolescenza è quel tratto dell’età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato infantile a quello adulto dell’individuo; si è poi soliti distinguere anche tra prima adolescenza, corrispondente al periodo tra i 13 e i 15 anni, e seconda adolescenza, cioè dai 16 anni verso la fine della pubertà, verso i 18-20 anni. Quando si parla di adolescenza, è molto importante ricordarsi che essa è un tema di carattere prettamente psicologico, e darle limiti fissi è un’impresa molto ardua. Bisogna considerare che:

  • Lo sviluppo psicologico-emozionale non procede sempre di pari passo con lo sviluppo fisico;
  • Le società occidentalizzate stanno provocando un ritardo sempre maggiore dello sviluppo psicologico mentre in altre zone del mondo pare verificarsi l’opposto;
  • I limiti di età sono diversi tra persone di sesso diverso;
  • Più tardi si verificherà lo sviluppo puberale, più tardi finirà l’adolescenza;
  • Certi tratti psicologici considerati tipici dell’adolescenza permangono finanche oltre la prima giovinezza per certi individui.
La fragilità somatica e psicologica del soggetto, in questa fase, è evidente e facilmente spiegabile se si tiene conto del lavoro per il consolidamento delle sue strutture fisico-psichiche che in lui si va compiendo.” Wikipedia. L’adolescenza come fase della vita umana è stata studiata solo a partire dagli inizi del secolo scorso, in linea con i cambiamenti sociopolitici e culturali che donano una visione nuova di adolescenza come importante fenomeno avente un ruolo più incisivo nella vita di un individuo. Molti approcci teorici si sono occupati dell’adolescenza. Ciascun orientamento teorico, tuttavia, ha analizzato un aspetto parziale circoscritto del fenomeno(cambiamenti biologici, interiori, cognitivi, sociali), mentre di fatto si impone la necessità di adottare un approccio comprensivo, che integri i singoli contributi in modo che risultino fusi in una rappresentazione a tutto tondo, dinamica, evolutiva che possa costituire una linea guida, un’indicazione di lavoro per qualsiasi tipo di intervento.

Pur considerandolo un epifenomeno, una fase naturale, dello sviluppo umano (Erikson, 1999), noi siamo convinti che di fronte alle tante domande, insicurezze, conflitti interiori e conflitti con gli adulti, l’adolescente debba trovare proprio nell’adulto un ascoltare ed un interlocutore con il quale confrontarsi senza sentirsi, a priori, giudicato. Noi riteniamo che, se non in presenza di un particolare e conclamato disturbo, l’adolescente debba trovare nel counselling il setting più adatto per esternare i suoi dubbi e le sue angosce. Il colloquio di counselling permette all’adulto di non invadere e di non incidere in profondità in una personalità in formazione e gelosa della sua autonomia nel definire il personale progetto di vita. Se non ci si accosta con questo rispetto, il risultato non potrà che essere una chiusura stizzita che aumenterà il rancore dell’adolescente verso il mondo in generale e degli adulti in particolare.

Intervento

Riteniamo che l’intervento da privilegiare con l’adolescente sia il colloquio di counselling.

E’ un setting che permette all’adolescente di non sentirsi invaso dall’adulto, permettendo un ascolto attivo e di sostegno. La seduta di counselling deve cercare di far emergere le risorse potenziali che ogni ragazzo ha, e che durante questa fase, difficile e confusa, rischiano di essere messe in ombra creando nel ragazzo l’idea di un futuro fosco e pieno d’angoscia.

Solo se ne esistono i presupposti si proporrà al ragazzo un percorso di psicoterapia supportiva.

Basta attese!

Da oggi puoi scegliere tu il giorno del tuo appuntamento con il Dr. Sergio Chieregato attraverso l'agenda online

Clicca qui

News

Cura integrata del disturbo d’ansia generalizzata

Scopri

Dott.ssa Silvia Chieregato Psicologo
Studi: Via Sempione, 230, 10137 Torino | Via Cernaia, 30, 10122 Torino

Dott. Sergio Chieregato Psicologo-psicoterapeuta
Studio: Via Raimondo Montecuccoli, 4, 10121 Torino

Partita IVA 08165020010

declino responsabilità | privacy | codice deontologico

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non devono essere intese come sostitutive del parere clinico del medico, pertanto non vanno utilizzate
come strumento di autodiagnosi. I consigli forniti via e-mail vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento.
La visita tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

psicologi-italia.it

© 2017 «Powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.