Il ruolo dello Psicologo in età adulta


Nella vita di ognuno di noi, durante tutte le sue stagioni, ci possono essere momenti difficili nei quali non riusciamo più a dare un significato a cosa stiamo facendo ed alla nostra vita, non comprendiamo più gli altri, non amiamo più le persone care, non ci sentiamo più amati, compresi, e ci sentiamo profondamente soli e amareggiati. Sono momenti di smarrimento, di confusione, di solitudine, abbiamo bisogno che qualcuno ci stia vicino, ci riconosca, condivida la nostra sofferenza, ascolti tutte le nostre ragioni e ci aiuti a trovare la soluzione più adeguata.

Noi ti offriamo la possibilità di capirne le motivazioni più profonde attraverso un percorso psicoterapeutico a base psicodinamica (Gestalt-Psicoanalitica).

Primo colloquio gratuito e senza alcun impegno per il futuro...

La Premessa

Per “disturbo psicologico e mentale” si fa riferimento ad una condizione di sofferenza psicologica che sulla base di una sindrome (complesso di sintomi) comportamentale produce un disagio significativo nella vita della persona interessata e ne compromette e condiziona in modo disadattivo lo svolgimento delle attività normali della vita: lavoro, affetti, tempo libero.

Il “disturbo psicologico e mentale” è assolutamente “soggettivo”, solo chi ne è affetto può definirne la gravità ed il livello di sofferenza. Il confine tra normalità e patologia (malattia) può essere determinata dal soggetto che vive il disturbo e dalle persone che vivendo vicino allo stesso paziente ne possono notare un cambiamento significativo nel comportamento adattivo nel vivere quotidiano.

Quindi “non” tutti i problemi psicologici, le sofferenze mentali, e le difficoltà comportamentali che ne derivano possono essere definiti “disturbi psicologici e mentali”!

Possono essere sofferenze psichiche legate a momentanee difficoltà nel vivere ed affrontare alcuni eventi importanti della nostra vita per i quali non siamo pronti e preparati come: lutti improvvisi, abbandoni da parte di figure significative, difficoltà in amore, separazione e divorzio, problemi relazionali in famiglia ed al lavoro, l’essere genitori, vivere un handicap personale o di una persona cara, licenziamento, difficoltà economiche, …. e tanto altro. Noi siamo unici e viviamo in modo assolutamente originale gli eventi ed i ruoli che la vita ci ha riservato!

In questo caso anche se non si può parlare strettamente di disturbo psicologico è necessario chiedere aiuto ad uno psicologo-psicoterapeuta affinché ci permetta con un “sostegno adeguato” di ritrovare ed utilizzare al meglio le nostre risorse emotive e cognitive.

Poiché il disturbo psicologico, qualora si pensasse esista, deve essere definito (diagnosticato) e l’unico modo per farlo è rappresentato dall’insieme dei comportamenti, percezioni, e stati emotivi che il paziente vive o fa vedere che vive, è necessario classificarli ed arrivare ad una loro descrizione (categorizzazione). Pur sapendo che la diagnosi è uno strumento parziale, la stessa rappresenta l’unico modo per costruire un linguaggio comune comprensibile, anche se non condivisibile, da tutti, a partire dal personale sanitario.

Questo linguaggio comune e categoriale lo si ritrova nel “DSM V-Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali”, manuale che viene utilizzato dagli psichiatri per fare le diagnosi dei disturbi mentali.

Se si vuole conoscere con precisione la classificazione si consiglia di consultare il DSM IV od il DSM V (Manuale diagnostico dei disturbi mentali, edito da Masson).

La classificazione che ne seguirà farà in parte riferimento allo stesso manuale, ma ci riserviamo di parlare in modo più psicologico, attento all’esperienza di vita della singola persona ed alla sua dimensione umana, e per questo faremo riferimento al Dizionario di Psicologia scritto dal Prof. Umberto Galimberti edito dalla Garzanti.

Gli psicologi, al di là delle varie classificazioni, sono più interessati a comprendere le cause profonde e strutturali del disturbo e sono impegnati a rimuoverle utilizzando varie tecniche che rappresentano l’attuale sviluppo della teoria psicologica clinica, e a sostenere psicologicamente la persona che decide di fare questo percorso per certi versi esaltante ma anche difficile, che chiede un impegno di tempo, economico, e di risorse psicologiche personali non indifferenti.

Basta attese!

Da oggi puoi scegliere tu il giorno del tuo appuntamento con il Dr. Sergio Chieregato attraverso l'agenda online

Clicca qui

News

Cura integrata del disturbo d’ansia generalizzata

Scopri

Dott.ssa Silvia Chieregato Psicologo
Studi: Via Sempione, 230, 10137 Torino | Via Cernaia, 30, 10122 Torino

Dott. Sergio Chieregato Psicologo-psicoterapeuta
Studio: Via Raimondo Montecuccoli, 4, 10121 Torino

Partita IVA 08165020010

declino responsabilità | privacy | codice deontologico

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non devono essere intese come sostitutive del parere clinico del medico, pertanto non vanno utilizzate
come strumento di autodiagnosi. I consigli forniti via e-mail vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento.
La visita tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

psicologi-italia.it

© 2017 «Powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.